Colors: Orange Color

Bercia nei social con noi!

Dalle  Olimpiadi l’immagine di un paese ben lontano da quello delle corrosive polemiche quotidiane./ Un paese bellissimo. L’Italia Olimpica che in questi giorni sta riempiendo schermi e cuori sta demolendo passo dopo passo l’immagine che una certa politica vorrebbe imporre  come condivisa dalla maggioranza del paese mentre è solo nelle menti ciniche e distorte di una rumorosa minoranza che trova sponda in una informazione troppo spesso manipolatoria. Abbiamo applaudito e sostenuto ragazzi e ragazze con la maglia azzurra e la pelle scura, figli di immigrati nati e cresciuti in questo paese e che in questo paese si riconoscono tanto da indossarne i colori, figli di matrimoni misti nei quali l’amore aveva  già sconfitto  superstizioni e divisioni. Abbiamo applaudito la ragazza che conquista la medaglia e ringrazia la sua fidanzata; abbiamo applaudito e ci siamo commossi per il ragazzo di Puglia che ha conquistato l’oro nella marcia dedicandolo alla moglie di origine marocchina per la quale e con la quale ha deciso di abbracciare la fede islamica nel segno dell’amore e della condivisione e non in quello dell’odio e della divisione. La nostra portabandiera nella cerimonia inaugurale è stata una ragazza italiana nata in Veneto da genitori nigeriani. Sempre di più nelle varie discipline, individuali e di squadra, i nostri portacolori  sono molto più vicini al vecchio manifesto pubblicitario pensato da Oliviero Toscani che all’immagine che Salvini e Meloni vorrebbero imporre fiancheggiando quanto di più becero, superato e antistorico rimane nel retaggio di paure e superstizioni di un popolo che non ha nemmeno una ragione storica per inseguire presunte purezze razziali.  Questa rassegna olimpica, marchiata dal morbo del Covid ma forse anche per questo così intensa, per la volontà feroce di tutto il mondo di volersi ribellare alla dittatura pandemica,  dimostra per l’Italia quanto sia anacronistica ed insensata l’opposizione pregiudiziale e strumentale allo Ius-soli ed al riconoscimento del mondo lgbt da parte della destra . I fatti si incaricano quotidianamente di smentirne il senso, ma i fatti troppo spesso restano nascosti  in una cronaca che guarda soprattutto l’ombelico del potere e non la realtà sociale come si va formando. Per questo la copertina dei Giochi di Tokio diventa una splendida vetrina per l’Italia del futuro .;  non basterà a fermarla l’imbarazzato silenzio degli affabulatori di odio che per una volta restano ai piedi del carro. L’impegno comune che in tanti dovremmo perseguire è quello di  crederci in questo futuro, come fanno i ragazzi e le ragazze in maglia azzurra, facendo muro contro l’ignoranza, la disinformazione,  la diffusione della paura del diverso, il razzismo strisciante e l’idiozia palese  in favore di una rinascita che potrebbe essere alla nostra portata perchè l'Italia non sono loro.

Bercia nei social con noi!

Un mercato del lavoro che in comune ha solo la progressiva perdita di diritti in duello che non dovrebbe esistere ma che è sempre più squilibrato /

Bercia nei social con noi!

Il successo della leader di Fratelli d’Italia è così irresistibile ?/

Bercia nei social con noi!

Pandemia, paure reali e suscitate, vuoto di idee a sinistra e l’Europa guarda sempre di più a destra./

Bercia nei social con noi!

«Non ho letto il testo e quindi aspetto di leggerlo, ma l’iniziativa della Lega mi sembra intelligente…».

Bercia nei social con noi!

Le “morti bianche”, un dramma senza fine./

Bercia nei social con noi!

25 aprile punto fermo nella storia italiana./